Menu

LawrencePAD | Le 18 domande di Musicraiser #Just18Questions

Pubblicato il 23 Feb 2018 15:00 da Musicraiser

 

Perché hai deciso di lanciare una campagna di crowdfunding su Musicraiser?

Ho deciso di farlo semplicemente per poter raccogliere contributi economici, coinvolgendo nel crowdfunding sia chi già conosce e apprezza la mia musica, investendo così sul nuovo progetto che sarà un disco bellissimo, e sia altra gente che avrà modo di essere raggiunta dalla mia musica mediante questa campagna.

 

Che aspettative avevi prima di lanciare il tuo progetto su Musicraiser?

Le mie aspettative erano onestamente molto basse. Non pensavo che la gente fosse disposta a supportare il progetto di un giovane cantautore ancora in fase di rodaggio che non ha un seguito da record!
Pensiamoci: Molta gente non acquista più neanche i CD realizzati dai BIG della musica, sfruttando perlopiù “vie traverse” per ascoltare i pezzi dei propri artisti preferiti. “Figuriamoci se la gente sarà disposta a contribuire a questo mio progetto” mi dicevo. Con mia grande sorpresa invece ho ricevuto contributi da persone che neanche mi conoscono, da persone che vivono in altri paesi (come l’Inghilterra, il Portogallo), che hanno versato quote molto alte, pretendendomi addirittura anche a casa loro per un House Concert. Ed ecco che con due note e tre parole che descrivono le tue emozioni raggiungi il mondo, riscoprendoti simile nel disordine a qualcun altro che non hai mai conosciuto ma che ti dice: “tu scrivi e canti quello che sento anch’io”.
Non è proprio questo il bello della musica?

 

Quali sono gli ingredienti principali per realizzare una campagna di successo?

Non ci sono regole fondamentali per realizzare una campagna di successo. Bisogna essere se stessi, sempre.
Non solo in un crowdfunding o nella realizzazione di un pezzo ma nella vita di tutti i giorni. È questa la regola che, se riusciamo a non infrangere, ci porterà ai migliori risultati.

 

L’aspetto più divertente della creazione di una campagna Musicraiser?

Una campagna Musicraiser è quasi divertente considerando i vari step da seguire per il raggiungimento del tuo obiettivo.
È un’esperienza che consiglio a tutti gli artisti perché non è mai scontata e ti regala anche la determinazione che a volte manca. Con Musicraiser ogni giorno imparerai ad essere determinato e a non perdere mai di vista i tuoi obiettivi, soprattutto quando passano giorni e tu non hai però ottenuto nessun raiser per il tuo progetto! Io quest’esperienza l’ho vissuta quasi come un videogame con tanti livelli da superare e oggi, grazie alla collaborazione di tutta la gente che mi sostiene e a cui rivolgo il mio grazie, siamo quasi all’ultimo livello. Lo supereremo? Sta a voi!

 

Cosa consiglieresti ad un artista che deve realizzare una campagna Musicraiser?

Consiglierei innanzitutto di organizzare a priori, con tutte le dovute attenzioni, il progetto che si ha in mente di realizzare. Questo passaggio deve essere fatto prima di lanciare la campagna su Musicraiser, perché un progetto compatto e chiaro ha decisamente molto più seguito e suscita più interesse rispetto ad un progetto presentato un po’ così. L’immagine è tutto! Realizzate un buon video di presentazione, caricate sulla pagina del progetto i vostri brani migliori, coinvolgete i vostri fan sui vari social e di persona. E state tranquilli perché i risultati non tarderanno ad arrivare!

 

L’ultima canzone che hai ascoltato?

Una delle tracce del mio album! Che domande... Sono in studio da stamattina!
Scherzi a parte, l’ultima canzone che ho ascoltato è Snow dei Red Hot Chili Peppers.

 

Un concerto che vorresti rivivere?

Sarebbe bello poter rivivere un concerto tenutosi a Torre di Ruggero (CZ) in occasione della  festa della Madonna Delle Grazie.(Festa locale molto sentita)
In quell’occasione ebbi il piacere e l’onore di aprire il concerto e dividere il palco con Paolo Meneguzzi e DJ-Jad degli Ex “Articolo 31”.

 

Cosa pensi dell’industria musicale di oggi?

L’industria musicale oggi è molto cambiata. Purtroppo i cantanti non fanno più i cantanti e i produttori musicali non fanno più i produttori musicali . Pensate ancora che a Sanremo arrivi l’artista che presenta la migliore canzone? O che chi esce da un Talent sappia “fare musica”?
Siamo arrivati purtroppo ad un punto dove la musica è quasi passata in secondo piano, cosa gravissima a parer mio, ponendo sul piedistallo esclusivamente il peso del personaggio e non le sue capacità.
La capacità di quanto riesci a vendere si, quella conta! Poi poco importa se fai musica di scarso medio o alto livello!
Come me milioni di altri artisti non fanno gli interpreti in Italia! Scrivendo i propri testi e componendoci sopra la propria musica ci si diversifica e si veicolano le proprie emozioni!
Se canti il pezzo scritto dall’autore X e arrangiato dal compositore Y, non è più un tuo pezzo! Tu ci stai mettendo soltanto la voce e così facendo diventi semplice interprete che non trasmette la musica che ha dentro. E questa è una cosa fondamentale per affermarti in questo mondo.

 

Il tuo hobby quando non scrivi canzoni

Faccio esami di Ingegneria Biomedica per arrivare anche ad una Laurea nel frattempo ... ma così, giusto per hobby! Volete venire a darmi una mano sui libri? Siete i benvenuti!

 

Con quale artista ti piacerebbe suonare?

È un bel problema...Sono tutti morti!
Non mi dispiacerebbe suonare però con Mannarino, Giorgia, Max Gazzè, Jovanotti, Beyoncé, Ed Sheeran e, a giorni alterni, Tiziano Ferro.  Si lo so sono andato un po’ a salire con le richieste... Dite che chiedo troppo?

 

Il piatto a cui non potresti mai rinunciare?

Le Melanzane ripiene!
Facciamo la scommessa che venite a casa mia, provate quelle di mia madre e vorrete cambiare residenza?

 

Gin Tonic o Birra?

Portatemi del vino.
Con le melanzane ROSSO, per favore!
 

Se decidessi di partire domani, dove andresti?

In giro, senza meta.
Organizzi una cosa e poi ti va sempre male o comunque va sempre in maniera diversa da come l’avevi prevista. Quando ti alzi la mattina e decidi sul momento cosa farai durante il giorno le cose ti vanno sempre meglio! (O almeno per me è così)
Per i viaggi uguale!
Più programmi hai e più intoppi hai.
Vorrei partire da una meta e iniziare ad andare...il resto viene da se!

 

Qual è la prima cosa che fai appena ti svegli?

Caffè caffè caffè...! La prima cosa il caffè perché altrimenti non riesco a svegliarmi!
Anzi ad essere sincero me lo portano proprio a letto e me lo versano con un imbuto in bocca per farmi svegliare altrimenti niente.

 

Libro sul comodino?

Chitarra o pianoforte.
Ma non avendo ancora un comodino tanto grande, ho optato per l’armonica.

 

Se fossi un animale quale saresti e perchè?

Un cane! Sotto certi aspetti i cani riescono ad essere addirittura più umani di noi. Siamo noi invece spesso a perdere la nostra umanità mediante azioni ignobili come lo sfruttamento, l’avvelenamento e la violenza che questi animali sono costretti a subire per mano nostra, ancora oggi nel 2018.
Un cane ti è fedele sempre! Quando le cose vanno bene e quando le cose vanno male, quando ci sei e quando non ci sei, quando hai bisogno di lui e quando ti dimentichi di lui. Il gatto per esempio è più fancazzista e strafottente!
Il cane mi rispecchia perché io sono proprio come loro.
Resto fedele a sentimenti, ideali e a tutte le cose belle.
Quando non le vedo più tornare dopo tanto tempo, spesso mi siedo e le aspetto, proprio come fa un cane col suo padrone.

 

Di cosa hai paura?

Sono un ipocondriaco! Avete presente? Quei tizi strani che avvertono un minuscolo fastidio al mignolo della mano sinistra e si preparano già all’amputazione de braccio!
Seriamente parlando, una cosa che mi inquieta e mi terrorizza più di tutte è il domani.
Siamo in un epoca di transizione dove molte cose stanno cambiando e il modo di vivere la vita si sta evolvendo, per alcuni aspetti in meglio e per altri in peggio.
Io vorrei che mio figlio un domani possa crescere in un mondo diverso, in un mondo dove ci sia una rivalutazione dei valori fondamentali, dei punti di riferimento; in un mondo dove si ritorni ad apprezzare l’essenziale. Forse la paura di un mondo che sta perdendo troppo velocemente punti di riferimento fondamentali, tra le tante, è la più grande.

 

La cosa più inutile che tu abbia mai acquistato

Il primo pacchetto di sigarette. Una dolce agonia che mi porto dietro da anni!
15

Ali #1: CD

CD + Download
Album Digitale, CD e Ringraziamenti.
25

Ali #2: T-Shirt

CD + Download + T-shirt
Album Digitale, CD, T-Shirt e Ringraziamenti.
35

Ali #3: Bonus Track

Bonus track + CD + Download + T-shirt
Album Digitale, CD, T-Shirt, Brano Bonus (Extra) e Ringraziamenti.
50

Ali #4: CD Special Edition

Bonus track + CD + Download + T-shirt + Altro
Album Digitale, CD Edizione Speciale e Autografata, Brano Bonus (Extra), T-Shirt e Ringraziamenti.
70

Ali #5 - Serenata

CD + Download + Esperienza con i fan
Album Digitale, CD Edizione Speciale e Autografata e Serenata esclusiva per te!
100

Ali #5: House Concert

Bonus track + CD + Download + House concert
Album Digitale, CD Edizione Speciale e Autografata, Brano Bonus (Extra) e Concerto a CASA TUA!
200

Ali #6: Acoustic Concert nel tuo locale

Bonus track + CD + Download + House concert + Altro
Album Digitale, CD Edizione Speciale, Traccia Bonus (Extra), Concerto a CASA TUA e esibizione LIVE ACOUSTIC nel tuo locale!
300

Ali #7: Live Concert nel tuo locale

Bonus track + CD + Download + House concert + Live show
Album Digitale, CD Edizione Speciale, Traccia Bonus (Extra), Concerto a CASA TUA e CONCERTO LIVE nel tuo locale!

Per votare devi essere un Super Raiser

Ogni community ha i suoi fan più irriducibili, più curiosi e sempre attenti alle novità del momento. Musicraiser non fa eccezione, grazie ai suoi Super Raiser!

Come diventare Super Raiser?
È semplice: basta finanziare (o aver finanziato) almeno 3 campagne di crowdfunding.
Ok, ho capito!
La tua email non è verificata.
Vai nelle tue impostazioni e controlla che l'indirizzo email sia corretto.